ENG

Camerano

Camerano

Tempo di visita: 2 ore.
Distanza dalla riviera: da 10 a 18 Km.
IL PAESE ATTORNO AL CAMPANILE
Immersa nella natura del Parco del Conero, Camerano è celebre per le sue grotte, che nascondono nel sottosuolo un’altra suggestiva “città”.

COME ARRIVARE

Provenendo da Sirolo e Numana si rimane sempre all’interno del Parco del Conero: basta prendere la strada provinciale 2, per poi salire – dopo circa quattro chilometri – sulla destra, proseguendo lungo la strada provinciale Cameranense (numero 7) per altri quattro chilometri. Da Portonovo è conveniente seguire la Provinciale del Conero per poi immettersi nuovamente sulla SP2 di cui sopra, mentre da Porto Recanati costeggiare il mare verso nord fino a Sirolo e poi proseguire secondo le predette indicazioni.

COSA VISITARE

Camerano è la patria del celebre pittore Carlo Maratti: a lui è dedicato un busto nella centrale piazza Roma, dalla quale comincia proprio il nostro itinerario. Sulla Piazza si affacciano il Teatro tardo ottocentesco e il palazzo Manciforte, con lo splendido parco. Dalla piazza per via S. Apollinare o via S. Francesco si sale in breve a S. Francesco, bella chiesa preceduta da una doppia scalinata, aperta solo in particolari periodi dell’anno.

Tornati a piazza Roma, si scende lungo la via Maratta, dove si incontrano rispettivamente l’ufficio turistico, la chiesa di S. Faustina (che conserva una tela di scuola marattiana e un medaglione della figlia del celebre pittore), e poco oltre la Parrocchiale, con opere moderne di ceramica e una tela giovanile del Maratta.
Una nota particolare va al tessuto sotterraneo della città: nel sottosuolo del centro storico infatti si dipana una intricata rete di grotte visitabili, tanto che gli abitanti di Camerano sono soliti dire “ce n’e’ piu’ sotto che sopra”.

I DINTORNI

A circa un chilometro dalla chiesa Parrocchiale è situata la suggestiva chiesa di S. Germano: la strada si presta ad una lunga e tonificante passeggiata, ma prendendo la macchina è possibile poi preseguire in direzione Ancona, raggiungendo la gradina e i suoi cunicoli: è una spianata, forse sito di un antico villaggio, nel cui sottosuolo si dipana una intricata rete di cunicoli (il più famoso dei quali è il Buco del Diavolo, sul quale si narrano numerose leggende) un tempo complesso sistema idraulico.

EVENTI: FESTA DEL ROSSO CONERO

Il primo week end di settembre, venerdi, sabato e domenica, tutta Camerano e dintorni brinda con Rosso Conero: l’ideale connubio tra la classica festa che esalta l’uva e il vino e un incontro divertente di generazioni legato a spettacoli, tipicità e buona cucina.

Natura e Turismo

Guida turistica e naturalistica Franca Silvia Di Cicco
Tel. +39.0717216120, Cell. 339.1313603, E-mail: silviafdicicco@virgilio.it

Dove alloggiare a Camerano

Dove mangiare a Camerano